Isabella Radaelli

Quando un dirigente cambia lavoro e diventa fornaio

Cosa spinge un ragazzo trentottenne, con un ottimo lavoro, ben retribuito in una multinazionale che si occupa di elettronica, a cambiare drasticamente la sua vita per diventare fornaio in un paesino del cremasco?

Sicuramente la passione, era da vent'anni che ci stava pensando, e poi perché aveva sentito che c'era una ricerca molto elevata di panificatori in quanto nessuno è più disposto a svolgere questo lavoro.

Il negozio situato al centro di Trescore Cremasco (Cr), già esistente, è stato rilevato e riaperto da Christian Chiapparoli e dalla compagna Michela, nel mese di gennaio 2012. Dunque, tanto per rimanere in tema, fresco, fresco come il pane appena sfornato!

La produzione del pane è artigianale ed è fatto tutto manualmente da lui, le macchine utilizzate sono pochissime solo le impastatrici. Uno dei “cavalli di battaglia", come l'ha definito Christian, è il pane con lievito madre, e diversi tipi di pane che abitualmente non si trovano in commercio, come pane con farina di mais (chiamato anche pane di mistura), baguette di tradizione francese, ciabattine molto particolari che contengono una percentuale di acqua elevatissima, che normalmente non vengono prodotte da altri panifici per la difficoltà nell'utilizzo degli impasti. Poi altri tipi di pane più comuni, ma altamente digeribili e che contengono bassissime percentuali di sale e di lievito, come bocconcini, pane di campagna, Altamura, mediterraneo, al latte, treccia, filoncino, ferrarese, rustico e mantovano.

Pane con zucca, pane con uvetta e noci, con olive, focacce ripiene con tonno e scamorza, con ananas e prosciutto cotto ed emmental, queste vengono realizzate soprattutto su ordinazione perché un po' difficili da proporre. Insomma c'è solo l'imbarazzo della scelta.

Ma Christian realizza anche dolci. In cantiere per Natale, sta preparando un panettone diverso dal solito, farcito con albicocche semi – candite, glassa di albicocche e una pasta di gelato sempre all'albicocca.

E anche un dolce di tradizione austriaca chiamato Butterstollen, una via di mezzo tra un panettone e un dolce tipo brioche, all'interno contiene uvetta, limone e arancio candito, gocce di cioccolato e marzapane, un po' di miele e come si evince dal nome, un' altissima percentuale di burro.

Inoltre produce, su ordinazione, una varietà di pasticcini e di torte realizzate con una speciale frolla di cui dice che non rivelerà mai come la realizza.

Il panificio è aperto sette giorni su sette, anche la domenica mattina, e Christian lavoro sette notti su sette. Sicuramente un lavoro duro e che implica molti sacrifici, ma per chi come lui ama questo lavoro ed è sempre stato un sogno poterlo svolgere, al momento tutto ciò non pesa e anzi si augura di andare avanti per lungo tempo.

La miglior pubblicità, per lui, è il passaparola, ci sono clienti infatti che vengono appositamente da Crema e da paesi limitrofi fino a Trescore Cremasco per acquistare il suo pane. E due dei migliori ristoranti del paese acquistano il pane solo da lui, una bella vetrina per farsi conoscere.

Se volete fare un salto da lui ad acquistare ed assaggiare questo squisito pane, ecco l'indirizzo:

L'arte del Pane sns di Chiapparoli Christian & C.

Via Pavesi 19

26017 Trescore Cremasco (Cr)

Tel. 0373 - 273029

Commenti  

 
0 #1 michelle 2012-11-28 16:39
bravissssimmmoo o...seguire i sogni ohhh che bello! buon lavoro. ti verrò a trovare!! :lol:
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna