Hotel SPA & Beauty-farm

Naturalmente felici all’Hotel Pfösl all’insegna dell’ecosostenibilità

Per noi lusso vuol dire avere tranquillità e spazio, ritrovarsi unici nell’armonia del luogo che ci circonda.”
Brigitte Zelger  proprietaria con la sorella Eva dell’hotel.

Immerso in 35 ettari di prati e boschi con vista sul Catinaccio, sul Latemar e sullo Sciliar, l’Hotel Pfösl è l’ideale per ricaricarsi di energia positiva. Un luogo a 1375 mt dove sostenibilità, territorio e natura si fondono in un architettura moderna.

62 camere suddivise in tre edifici, costruiti in tre periodi diversi, collegati tra loro da un tunnel, accomunati da un design minimalista, con l’utilizzo di materiali naturali ed ecologici come il legno di cembro, la pietra e il vetro. Tutti gli alloggi: dalla camera standard alla suite Alpina con giardino privato, fino ad uno dei tre esclusivi chalet situati ai margini del bosco con vasca da bagno open air, sono estremamente accoglienti e dotati di tutti i comfort, sempre nel rispetto dell’ecosostenibilità. Io ho dormito nella 511, una suite Alpina Cembro di 40 mq, con loggia privata con prato ai margini del bosco.

infinity pool photo credit @isabellaradaelliLa struttura ha ricevuto il marchio di qualità ambientale per gli hotel sostenibili ed è stata premiata con il “Green Travel Award”. Il Pfösl segue una filosofia bio consapevole a 360°, a cominciare dal centro benessere NaturaSpa di 2000 mq con piscina indoor & outdoor con panorama infinity pool di 25 metri, con acqua salina riscaldata a 35°; otto diversi tipi di saune: lavendula con pareti di lavanda, sole-melissa alle erbe alpine, chamomilla, pinus al pino mugo con il pavimento di aghi e rametti di pino, thymus, fienile per la meditazione, rituale con vista panoramica sulle Dolomiti e la sauna naturale nel bosco, con un cerimonia particolare, accompagnata da suoni, canti e incensi con erbe locali. L’offerta si arricchisce con il percoso Kneipp caldo-freddo che agisce in modo vivificante sulla circolazione e dà una sensazione unica di vitalità e benessere, e il Natur Parcour: un percorso da effettuare a piedi nudi attraverso sassi, ghiaia, erba, legno, sabbia, trucioli e tanti altri materiali che aiutano a riscoprire la sensibilità del piede. Anche i trattamenti sono all’insegna della natura, tra quelli più particolari troviamo il massaggio con olio al fieno alpino che dona sollievo e toglie la stanchezza muscolare, e quello al pino mugo sarentino che invece attiva la circolazione, aiuta a sciogliere i blocchi e rilassa i muscoli.

L’ecosostenibilità è applicata anche a tavola con la cucina naturale e sana dell’executive chef Markus Thurner, che utilizza prodotti a km.0 per realizzare i suoi piatti innovativi, che sprigionano i sapori del territorio: verdure fresche dai contadini della zona, lamponi dal maso Burgstaller, latte dagli alpeggi, carne biologica di produzione locale e mele dei contadini altoatesini ed erbe aromatiche dell’orto rialzato nel giardino dell’hotel. Nell’offerta del ristorante anche una grande varietà di piatti vegetariani, vegani, senza glutine e senza lattosio.
Gli ospiti dell’hotel usufruiscono della pensione ¾: ricca prima colazione, snack pomeridiano dalle ore 13.30 alle 16 con zuppe, insalate e dolci, cena con menu à la carte di 5 portate: vegetariano, alpino e vitale.

Diverse le attività dedicate agli ospiti: d’estate ogni giovedì nell’antico forno di 300 anni, proprio davanti all’hotel, lo chef Markus insegna agli ospiti come preparare il pane, mentre le due proprietarie, le sorelle Brigitte ed Eva Zelger invece organizzano workshop per conoscere le erbe alpine selvatiche e come utilizzarle, sedute di yoga e di meditazione e passeggiate nel bosco per riattivare i sensi. perché, come afferma sempre Brigitte: La forza primordiale della natura è dentro alle nostre erbe di montagna. Sono stata la prima ad avere effetti benefici, ed ho pensato di condividere questa esperienza con i nostri ospiti.“

Hotel Pfösl
Schwarzenbach 2
39050 Nova Ponente (Bz)
Tel. 0471 616537

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento