Viaggi

Alla scoperta del Var, nel sud della Francia, tra mare, art de vivre et vin rosé

Il sud della Francia, per la sua vicinanza con l’Italia, è la destinazione perfetta sia per un weekend che per una vacanza più lunga. Il dipartimento del Var è un vero giardino, con paesaggi contraddistinti da una natura incontaminata, una terra ricca di tradizioni, con un grande offerta enogastronomica e culturale, rispettosa dell’ambiente e quindi adatta a un turismo verde e slow. Nel Var si trovano i più antichi vigneti di Francia. Sono quasi 400 le aziende vinicole dove si producono le denominazioni Côtes de Provence, Bandol e Côteaux Varois, che si possono scoprire percorrendo la Strada dei vini di Provenza. Il turismo del vino non è solo una semplice degustazione, ma c’è tutto un mondo che ruota attorno e un’atmosfera da scoprire.

L’ art de vivre è il fil rouge per andare alla scoperta del Golfo di Saint-Tropez. Un viaggio goloso con specialità gastronomiche come la gustosa tapenade, l’anchoïade, o la famosa Tarte Tropézienne, o all’insegna del benessere al Wellness Village del nuovo hotel di lusso Lily of the Valley a La Croix-Valmer, progettato da Philippe Starck, o nella spiaggia-cult di Pampelonne con il suo nuovo look, oppure visitare uno dei dodici villages de charme e da sogno.
www.visitgolfe.com

Il mito di Saint-Tropez è senza tempo. Le spiagge e il mare, la natura, i vigneti del rosé, la cultura, la cittadella e le stradine della città vecchia, il porto famoso in tutto il mondo, il mercato provenzale, i leggendari sandali tropéziennes fanno sempre sognare. Alloggi esclusivi fra Palace, hotel 5* e 4*, ristoranti stellati Michelin, il museo dell’Annonciade con dipinti di Signac, Vlaminck, Bonnard, Matisse. Tanti gli eventi prestigiosi, tra cui le Vele di Saint-Tropez, mostre d’arte, e il nuovo itinerario sulle tracce del pittore Paul Signac.
www.sainttropeztourisme.com

Tra i borghi più belli di Francia, e situato tra il mare e i vigneti, Gassin offre una vista mozzafiato sulla baia di Saint-Tropez. Hotel d’eccellenza, come Villa Belrose, Kube Hotel e le Mas de Chastelas, grande gastronomia e aziende vinicole di fama mondiale come Château Minuty, uno dei 18 “crus classés Côtes de Provence”, o Château Barbeyrolles, con i suoi rosé certificati bio.
www.gassin.eu

Le Gole del Verdon sono un sito naturale unico in Europa, che avrà presto il marchio Grand Site de France. Il fiume, con pareti vertiginose di calcare, situato nel cuore del Parco Naturale Regionale del Verdon, offre emozionanti sorprese, come il belvedere del Col d’Illoire, che permette ai visitatori di stare sospesi sul vuoto in tutta sicurezza e di vivere un’esperienza immersiva nel cuore delle gole, i sentieri escursionistici e l’antica Bergerie Barbebelle trasformata in residenza di charme.
www.lacs-gorges-verdon.fr

Nella Dracénie tante nuove proposte: una passerella di 70 metri sospesa sulle Gole di Nartuby attorno a un percorso turistico nel cuore di Trans-en-Provence, 40 km di piste ciclabili già realizzate del percorso La Vigna in Bicicletta, che si estende da Les Arcs sur Argens a Draguignan a Rebouillon, fra vigne e cantine del marchio “Vignobles et découvertes”. Novità: la guida topografica per escursioni & passeggiate: 37 circuiti proposti, e la guida topografica “Vélo & Loisirs” in bicicletta. E due brasserie di bistronomia a Draguignan: Les 3 Garçons e Le Saint Pierre.
www.tourisme-dracenie.com/it

Il Pays de Fayence si compone di nove villaggi arroccati, la gran parte certificati “Village de Caractère” o “Borghi più belli di Francia”. Paesaggi autentici di laghi, boschi e colline, 250 chilometri di sentieri e un percorso di “Grande Randonnée” (GR de Pays), e in bici, l’EuroVélo 8 (“Mediterraneo in bicicletta”) che attraversano il territorio. Oltre alla natura, una vita culturale ricca di eventi musicali e artistici, con studi di artisti e gallerie d’arte nei borghi. Il museo a cielo aperto di Tourrettes e la donazione di Max Ernst a Seillans testimoniano l’attrattiva di questa terra di artisti.
www.paysdefayence.com

Estérel Côte d’Azur comprende diversi comuni: Fréjus, dal fascino provenzale, Puget sur Argens, nel cuore dei vigneti, Roquebrune-sur-Argens, villaggio medievale; Rocher di Roquebrune, sito classificato di interesse nazionale, tra i massicci dei Maures e dell’Estérel, Saint-Raphaël, splendida località balneare con il museo Louis de Funès e il nuovo Hotel Luciamar che aprirà a giugno, e altri nove villaggi in collina nel Pays de Fayence. Tra mare e natura, la costa si estende per oltre 51 km. L’Estérel, massiccio vulcanico e sito protetto di 32.000 ettari, è una delle maggiori attrattive turistiche della zona con le inconfondibili rocce rosse e ben 2700 ore di sole all’anno.
www.esterel-cotedazur.com

Nel Mediterranée Porte des Maures sei villaggi a misura d’uomo, Bormes-les-Mimosas, Le Lavandou o La Londe-les-Maures, i villaggi di Collobrières, Pierrefeu-du-Var e Cuers. per soggiorni nel cuore di una natura intatta di fronte alle isole di Porquerolles e Port-Cros, raggiungibili in battello-navetta. Passeggiate e randonnée a piedi e in bicicletta sui sentieri costieri o nel cuore del Massiccio dei Maures, sport acquatici, vita di spiaggia, degustazioni di vini, picnic e gite in bicicletta nei vigneti e mercati provenzali. Tante cose da fare e da vedere. A giugno sulla collina di Bormes-les-Mimosas aprirà anche il nuovo Eden Rose Grand Hotel.
www.bormeslesmimosas.com
www.ot-lelavandou.fr
www.mpmtourisme.com

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento