L'Attico Bistrot dell'hotel Capo d'Africa
Ristoranti

Cena con vista? all’Attico Bistrot dell’Hotel Capo d’Africa

Cenare con vista Colosseo? Si può! 

In una via tranquilla e residenziale, a due passi dal monumento più famoso di Roma, c’è l’Hotel Capo d’Africa, prestigioso quattro stelle, che ospita al quarto piano L’Attico Bistrot, ristorante con due splendide terrazze da dove la vista spazia dall’arena dove si sfidavano i gladiatori fino al Monastero dei Santissimi Quattro Coronati.

L’ho provato per voi a fine settembre in una bella, tiepida serata romana e dove ho assaggiato un accattivante menu preparato dal giovanissimo chef Erio Ivaldi, (nome ereditato dal nonno) autore di una cucina mediterranea, con diversi piatti tipici romani sapientemente rivisitati.

Seppur giovane (classe ’81) Erio ha all’attivo numerose esperienze in giro per il mondo che lo rendono adatto a gestire la cucina di un hotel con numerosa clientela straniera e dove vengono organizzati anche eventi di livello internazionale.

E’ lui che personalmente va a far la spesa in mercati rionali di primizie o si rivolge a selezionati produttori, perché la sua filosofia si basa sull’uso di materie prime di qualità e soprattutto stagionali.

L’ho provato insieme ad una nuova amica, Loredana Filoni, giornalista di Roma. Si inizia con un amuse bouche in omaggio alla Sicilia: un arancino a base di riso e piselli.

Come antipasto scegliamo Variazione di melanzane: polpettina al caciocavallo, piccola parmigiana, flan al basilico su crema di pomodori secchi; e gateau di patate della Tuscia con polpo, guanciale croccante e maionese di sedano. Interpretazioni personali dello chef di due classici della cucina italiana.

Il piatto che più mi affascina sono i tonnarelli cacio e pepe con calamari croccanti, un vero comfort food che appaga oltre che la gola anche lo spirito.

Poi come secondo piatto gustiamo rana pescatrice e zuppetta di lenticchie alla menta e tomino grigliato con cicoria saltata e crostino di pane. Terminiamo con un delicato dessert: pera al Moscato con ricotta dolce e dulche de leche.

Accompagniamo la nostra cena con Berlucchi Franciacorta ’61 Rosé, una bollicina che è sempre una garanzia.

Insomma una piacevole serata con la scoperta di un nuovo locale, ma anche di un hotel dove soggiornare a Roma.

Alcuni cenni sull’Hotel Capo d’Africa: 65 camere modernamente arredate, dotate di tutti i comfort che contraddistinguono un 4 stelle e impreziosite con opere di vari artisti italiani. E’ situato nell’omonima via, che come ho scritto all’inizio, è un’oasi di pace nella caotica Roma.

L’Attico Bistrot

dell’Hotel Capo d’Africa

Via Capo d’Africa 54

00184 Roma

Tel 06 772801

www.hotelcapodafrica.com

P.S. per sentirsi un po’ come Jep Gambardella, il protagonista de “La Grande Bellezza” il film di Paolo Sorrentino, che abitava su un attico proprio come questo.

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento