Roberto Burdese, Davide Rovati, Vittorio Barbieri e Ivan Piasentin
Diario di una gourmet

SLOW FOOD festeggia da Cattivelli

Slow Food, il movimento d’eccellenza per la tutela e lo sviluppo delle tipicità locali, è stato ospite all’Antica Trattoria Cattivelli di Isola Serafini (Pc) per conoscere i prodotti piacentini a filiera corta. Ospite d’onore della serata Roberto Burdese presidente nazionale di Slow Food, venuto apposta per l’occasione da Torino.

Si è iniziato con un aperitivo a buffet con i seguenti antipasti: Tortino tiepido di verdure, Focaccia di farina di mais con Pancetta Piacentina DOP di Maini di Pianello Valtidone; Salame Piacentino DOP di Castell’arquato con schiacciatina; Grana Padano del Caseificio Palormi di Monticelli; Giardiniera dell’Azienda Pisaroni di Soarza accompagnato da Val Nure frizzante Terrafiaba 2010 LA TOSA di Vigolzone.

Abbiamo proseguito la cena con un menù tipico della trattoria: Cappelletti di Cacio del Po ai funghi porcini della Valdaveto, Mezze maniche ripiene di stracotto in brodo di terza (che meritano un post a parte per la loro bontà;-): cappone, manzo e costine, Classica faraona allevata allo stato brado disossata e ripiena con patate di Villanova e per concludere Torta di mele di Villanova al profumo di arance. I vini serviti in abbinamento erano: Gutturnio frizzante Ronco Stagnino 2010 Montesissa di Carpaneto, Gutturnio Superiore Colombaia 2009 Baraccone di Ponte dell’Olio e Malvasia frizzante dolce 2011 Lusenti di Ziano Piacentino.

Alla cena erano presentii 130 ospiti, tra cui tanti produttori e anche sindaci di alcuni paesi della bassa e Davide Rovati, fiduciario Slow Food di Piacenza. Slow Food, come tutti sanno è un’associazione no-profit fondata nel 1986 da Carlo Petrini. Il motto di Slow Food è buono, giusto, pulito e indica per l’appunto le caratteristiche che deve avere il cibo: buono relativamente al senso di piacere derivante dalle qualità organolettiche di un alimento, ma anche alla complessa sfera di sentimenti, ricordi e implicazioni identitarie derivanti dal valore affettivo del cibo; pulito ovvero prodotto nel rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente; giusto, che vuol dire conforme ai concetti di giustizia sociale negli ambienti di produzione e di commercializzazione.

Questa serata è stata organizzata per far conoscere e promuovere i prodotti della bassa piacentina a Slow Food, e partecipare così al progetto Terra Madre che si terrà al Salone del Gusto di Torino nel 2012. Un progetto concepito da Slow Food per salvaguardare prodotti e sostenere i piccoli produttori e dare voce ai contadini, allevatori e pescatori che popolano il nostro mondo.

Bella serata e ottima cena in uno dei miei locali preferiti della bassa piacentina, dove le materie prime sono a km.0 e vengono proposti piatti rigorosamente della tradizione, come pisarei e fasò e le famose mezze maniche in brodo che, come ha detto Roberto Burdese dopo averle mangiate, valgono il viaggio da Torino!

ANTICA TRATTORIA CATTIVELLI

Via Chiesa di Isola Serafini 2

29010 Monticelli d’Ongina (Pc)

Tel. 0523 829419

www.trattatoriacattivelli.it

cappelletti di cacio del Po ai funghi porcinimezze maniche ripiene di stracotto ai tre brodifaraona disossata ripiena con patatetorta di mele di Villanova al profumo di arance

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento