Antonio Bonetti, Claudio Rambelli e i produttori di pane, formaggio e vino
Diario di una gourmet

Pane & Formaggio a Trescore Cremasco (Cr) in collaborazione con Slow Food

Cosa c’è di più buono e casereccio del pane e formaggio? Soprattutto se il pane è quello di Christian Chiapparoli e i formaggi sono i Dop della Lombardia. Antonio Bonetti patron e chef del ristorante Bistek ha ideato un gustosissimo menù tutto a base di formaggi, dall’antipasto al dessert, impresa non facile soprattutto per quanto riguarda i dolci. Tutto ciò per sfatare il mito che il formaggio non è solo un alimento da fine pasto, ma può diventare il protagonista assoluto della nostra tavola.

La cena è iniziata con tre antipasti: il “Bacio di Mamma Mucca” di Carioni nei rotolini di pane tostato, “Stracchino di Mamma Mucca” sempre di Carioni in sfoglia croccante e bocconcini di Salva Cremasco Dop di Tazzi, fritti in crosta di pane raffermo. Abbinati al pane Tigrato, un pane al burro, fragrante e gustoso, chiamato così perché l’esterno assomiglia al manto della tigre.

Un tris di primi, accompagnati dal pane di lievito madre: gnocchi di ricotta di Carioni, burro, salvia e Salva Cremasco Dop di Tazzi; il Carnaroli in risotto con asparagi verdi, Salva Cremasco Dop di Tazzi e luartis (bruscandolo o germoglio di luppolo selvatico) e i maltagliati di pasta fresca in padellata con coda di manzo, peperoni rossi e gialli e scaglie di Salva Cremasco Dop di Tazzi.

A seguire il Salva Cremasco di Tazzi stagionato da 100 giorni. con le tighe di peperone verde, pepe nero ed extravergine dell’azienda Gamberoni di Pove (Vi), piatto De.Co di Trescore Cremasco e un favoloso Salva Cremasco Dop sempre di Tazzi, affinato nelle vinacce dell’Amarone, con una stagionatura di quasi 1000 giorni abbinati alla cotognata di Andrini e al pane integrale con semi di girasole.

Infine i dolci: i “Melgutì” biscotti di mais Parco Serio con mousse al “Bacio di Mamma Mucca” di Carioni e caldo tortino con Ricotta di Carioni al cacao amaro, confettura d’arancia e gelato al mascarpone.

Per la scelta dei vini Antonio si è affidato ad un produttore indipendente che vinifica solo da uve proprie: l’azienda agricola Antonio Panigada di San Colombano al Lambro (Mi). Quattro i vini proposti in abbinamento: Banino bianco Colline del milanese Igt , Banino rosso giovane S.Colombano Doc, Banino rosso Vigna la Merla Doc S.Colombano Doc Riserva e Banino Aureum Colline del milanese Igt.

Complimenti ad Antonio Bonetti per aver organizzato una serata all’insegna della tipicità, del cibo buono, pulito e giusto e di prodotti di nicchia.

“Bacio di Mamma Mucca” di Carioni nei rotolini di pane tostato, “Stracchino di Mamma Mucca” sempre di Carioni in sfoglia croccante e bocconcini di Salva Cremasco Dop di Tazzi, fritti in crosta di pane raffermo

il Carnaroli in risotto con asparagi verdi, Salva Cremasco Dop di Tazzi e luartis

Salva Cremasco di Tazzi stagionato da 100 giorni. con le tighe di peperone verde, pepe nero ed extravergine dell'azienda Gamberoni di Pove (Vi)

 “Melgutì” biscotti di mais Parco Serio con mousse al “Bacio di Mamma Mucca” di Carioni e caldo tortino con Ricotta di Carioni al cacao amaro, confettura d'arancia e gelato al mascarpone

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento