Bea Buozzi & Paolo Roversi
Libri

#Pinkenero

Li ho conosciuti durante un viaggio sulle Alpi Svizzere, non sapevo che fossero marito e moglie e non sapevo nemmeno che fossero scrittori. #Pinkenero, oltre ad essere i miei colori preferiti, è anche l’hashtag che meglio li rappresenta. Loro sono Bea Buozzi giornalista milanese e Paolo Roversi mantovano, giornalista e sceneggiatore.

Perché pinkenero? Perché Bea ha scritto la trilogia “Il club del tacco a spillo”, tre libri ironico- fashion che raccontano le incredibili disavventure di tre ragazze che vivono tutte in un immaginario palazzo di Milano chiamato “Palazzo Ranieri” ed hanno in comune una sfrenata passione per le scarpe. Non per niente i titoli dei libri sono: “Matta per Manolo”, “Tutte Choo per terra” e “La vita è una Loubu meravigliosa”. Va da sé che i libri sono il richiamo alle famose scarpe di Manolo Blahnik, Jimmy Choo e Christian Louboutin.

La scrittura è molto scorrevole e piacevole. Sono libri che si divorano e sono l’ideale per distrarsi dal quotidiano e trascorrere un po’ di tempo in relax. Raccontano storie in cui tutte noi ci ritroviamo, facendosi sognare e vedere la vita sopra dei tacchi 12.

Paolo Roversi, autore di noir avvincenti ha appena pubblicato “Solo il tempo di morire”, il sequel di “Milano criminale”, in cui descriveva la malavita milanese tra gli anni ’60-’70. In questo nuovo romanzo invece narra uno spaccato di vita milanese e italiana nei dodici anni successivi che vanno dal 1972 al 1984 in cui fa rivivere un mondo di delitti e follie che per anni ha spadroneggiato a Milano e provincia e che ha visto il banditismo imperare e combattersi in un’ implacabile lotta armata all’ultimo sangue per il controllo della città, mettendola a ferro e fuoco con la connivenza di molti.

Roversi, oltre ad essere l’autore di numerosi romanzi, circa una ventina, ha scritto anche soggetti per la televisione come ad esempio per la serie dieci e undici di Distretto di Polizia.

Quindi correte subito in libreria ad acquistarli perché un libro è cibo per la mente!

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento