photo credits @web
Film

4 film da Oscar da vedere (e rivedere)

Ogni anno, fra le cerimonie più attese, c’è senza ombra di dubbio quella della consegna degli Oscar. E questo 2020 non ha fatto di certo eccezione: tra i premi che hanno confermato le aspettative del pubblico e quelli che sono stati una vera sorpresa, infatti, la cerimonia degli Oscar ha animato non poco le serate degli amanti del mondo del cinema. Oltre a consigliarvi Parasite, la pellicola vincitrice di quest’anno, vorrei parlarvi oggi di 4 film premiati negli ultimi anni che meritano una certa attenzione e darvi anche qualche suggerimento pratico per non avere problemi con l’amato e odiato streaming. Se per qualche motivo vi manca ancora qualcuno dei titoli di cui parleremo, non dovrete fare altro che andare a ripescarlo su una delle varie piattaforme (legali, mi raccomando) presenti sul web e seguire alcuni piccoli accorgimenti.

I film premiati agli Oscar da recuperare assolutamente

Il film più recente e assolutamente da recuperare è Green Book, vincitore degli Oscar dello scorso anno. Ispirato a una storia realmente accaduta, il film è ambientato negli anni Sessanta e racconta dell’amicizia tra Tony Lip, un buttafuori italoamericano, e Don Shirley, un pianista jazz afroamericano, affrontando lo spinoso tema del razzismo. Un altro film degno di attenzione è La Teoria del Tutto, un vero must per gli appassionati di scienza in quanto narra la biografia e le intuizioni sull’evoluzione dell’universo del celebre astrofisico Stephen Hawking (intepretato da un emozionante Eddie Redmayne), scomparso proprio pochi anni fa. Da non perdere anche Il Discorso del Re, dramma storico che approfondisce la vita di Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta) e, in particolare, i suoi sforzi per superare la sua grave balbuzie e riuscire a parlare in pubblico, grazie all’aiuto di un logopedista alquanto insolito ed eccentrico. Infine non potremmo tralasciare The Millionaire, uno dei film più belli degli ultimi anni e che ha vinto ben 8 premi Oscar su 10 nel 2009, ottenendo un riscontro enorme tra pubblico e critica e incassando 400 milioni di dollari al botteghino. La pellicola di Danny Boyle parla della storia di Jamal Malik, un diciottenne cresciuto nelle baraccopoli di Mumbai che partecipa a un quiz televisivo e conquista la vittoria.

Le dritte per uno streaming senza “singhiozzi”

Riguardo allo streaming, per evitare il fastidioso effetto “singhiozzo” durante la riproduzione dei film sarebbe meglio prima di tutto capire come fare lo speed test e poi mettere in pratica alcuni suggerimenti utili per migliorare la velocità di connessione. Uno di questi consiste nel connettere al wi-fi di casa un solo dispositivo, staccando quindi dalla rete eventuali smartphone o tablet, così da non rallentarne la velocità. Anche una pulizia regolare della cache può essere di grande aiuto in questo senso, insieme all’eliminazione dei cookie, in quanto evita ulteriori rallentamenti dovuti alla memoria di file temporanei non necessari. Nel caso in cui la connessione sia davvero molto lenta nonostante gli accorgimenti presi, una soluzione “d’emergenza” un po’ vintage ma assolutamente funzionale può essere quella di ricorrere al caro e vecchio cavo Ethernet: così facendo, infatti, il segnale non sarà soggetto a interferenze di alcun tipo e risulterà quindi migliore, consentendovi di guardare i vostri film senza fastidiose interruzioni.

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento