Ristoranti Viaggi

Alla scoperta di Gussago la capitale italiana dello spiedo

Gussago è la porta d’accesso orientale alla Franciacorta, territorio famoso per le sue rinomate bollicine, ed è anche uno dei comuni più attivi di questa zona con tanti eventi legati alla cultura, all’arte e anche all’enogastronomia. Il comune è formato da sette frazioni e si sviluppa attraverso colline ed aree pianeggianti: da Mandolossa, la frazione più bassa a 100 mt, fino a quella più alta, Civine, a circa 600 mt di altitudine.

Gussago La Santissima fiori CREDITO @Tabacchini

Icona di Gussago è sicuramente La Santissima, ex complesso domenicano del XV secolo situata in cima al colle Barbisone, inserito dal FAI nei Luoghi del Cuore del 2021: al 6° posto tra i monumenti preferiti della Lombardia e al 3° tra quelli della provincia di Brescia. Tra non molto partirà un intervento di recupero e conservazione per riportare il luogo al suo splendore, facendola diventare una location polifunzionale per eventi, mostre e conferenze.

ussago Casa della Begia_CREDITO @Tabacchini

Gussago vanta anche interessanti palazzi visitabili su richiesta come Villa Togni già Averoldi con l’ampio parco all’inglese con statue neoclassiche, e la Casa della Begia del XIV-XV secolo, che rappresenta una delle più interessanti case signorili rurali della zona. Tra le chiese da visitare spicca la Pieve di Santa Maria, databile al 1470, riedificata su precedente edificio religioso di epoca longobarda, al cui interno si trova il pulpito di Maviorano, ovvero il sarcofago di un guerriero di alto rango del VIII secolo.
Ma è sicuramente l’enogastronomia che ha un ruolo importante nella cittadina, con due eccellenze che hanno ricevuto la De.Co – Denominazione Comunale- marchio assegnato con lo scopo di tutelare e promuovere quei prodotti che per cultura, tradizione e storia appartengono a un territorio.

Spiedo di Gussago

Il primo è lo Spiedo di Gussago De.Co, il prodotto più rappresentativo di Gussago, che affonda le sue radici in tempi lontani, un piatto ricco di storia, un rito che si è tramandato negli anni e la cui preparazione è una vera arte perché necessita di abilità e pazienza. La versione è stata ufficializzata con un disciplinare ed è composta da coppa, lonza, costine e uccellini, la sua cottura varia dalle quattro alle cinque ore e si presenta morbido dentro e croccante fuori. Si accompagna alla polenta e alle patate al forno, su cui si versa il sughetto rilasciato dalla carne cotta insieme al burro, alla salvia e al sale. Si accompagna ai vini rossi della Franciacorta.

Grappe Distilleria Peroni

Il secondo prodotto De.Co. è la Grappa distillata con le vinacce dei vitigni del Comune, e che si declina in Grappa giovane, bianca e cristallina; Grappa affinata o barricata che fa un passaggio di sei mesi in legno; Grappa Vecchia o invecchiata almeno dodici mesi e Grappa Stravecchia o Riserva sottoposto a un invecchiamento di minimo diciotto mesi.

brochure

Ogni giovedì dal 23 settembre al 9 dicembre 2021 si svolgerà Lo Spiedo Scoppiettando, rassegna enogastronomica in collaborazione con l’Associazione Ristoranti di Gussago, formata da 11 ristoranti che propongono un menu così articolato: minestra sporca, Spiedo di Gussago De.Co. con polenta e patate al forno, vino Cellatica Superiore DOC e Curtefranca Rosso DOC, caffè, e Grappe De.Co o amari, il tutto a un prezzo calmierato di 27 euro. A Gussago sono presenti ben sei cantine che producono oltre al Franciacorta, le famose bollicine, anche dei bianchi tradizionali e dei rossi corposi.

Gussago Vigneti_2_CREDITO @Tabacchini

Gli amanti della natura hanno a disposizione diversi sentieri che si sviluppano attorno alla città, delle passeggiate che si possono percorrere a piedi o in bicicletta alla scoperta del territorio. Fino al 24 ottobre verranno organizzati Storie di Pietre e Santi, tour guidati dal prof. Agostino Dellafiore, in collaborazione con l’Associazione Guida Artistica che condurrà i partecipanti in un viaggio attraverso l’arte, la cultura e il verde.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: Comune di Gussago.

Photo Credits @Tabacchini, tranne foto spiedo e brochure @iPhoneIsabella e foto grappe @DistilleriaPeroni

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento