le tre birre Grimbergen
Botteghe e Prodotti

Assapora la leggenda con le birre Grimbergen

Non sono un’amante delle birra, ormai lo sanno tutti, ma ho assaggiato le birre Grimbergen e devo dire che hanno una marcia in più. E la storia della loro produzione è davvero affascinante. Adesso ve la racconto.

Tutto risale al 1128, anno in cui venne costruita l’abbazia di Grimbergen per volontà degli omonimi signori. Incaricato del progetto fu Norbert de Xanten, meglio conosciuto come Norberto di Prémontré, fondatore dell’ordine dei norbertini o canonici bianchi, monaci che vivevano secondo gli insegnamenti di Sant’Agostino, dediti alla vita contemplativa e agli esercizi dei sacri misteri. L’ordine è tuttora presente in tutto il mondo e l’abbazia ospita ancora i monaci dell’ordine, la cui divisa è composta da un abito completamente bianco, di lana, costituito da veste talare, scapolare, cintura, cappa e cappuccio.

Sono stati proprio questi monaci a creare le prime birre che portano il nome dell’abbazia e ancora adesso vengono prodotte con la ricetta originaria, gelosamente custodita e tramandata nei secoli dai monaci.

Attualmente la birra è prodotta in un moderno birrificio, nel rispetto della ricetta originale, e si fregia del titolo di “birra d’abbazia certificata” assegnata dalla Confédération des Brasseurs Belges. Le royalties pagate dai birrifici di produzione sono vitali per l’ente ecclesiastico per garantire la propria sussistenza e le missioni caritatevoli.

Le birre belghe sono da sempre un simbolo dell’antica e ricca storia e cultura birraria del Vecchio Continente, tanto più quando provengono da un’abbazia come quella di Grimbergen, dall’esistenza lunga e tormentata: distrutta e ricostruita tre volte, è rimasta come simbolo della resistenza e volontà dei monaci di non piegarsi alle avversità. Come la fenice, che rinasce dalle proprie ceneri, l’Abbazia di Grimbergen “ardet, nec consumitur”.

Tre sono le tipologie di birra distribuite in Italia: Blanche, Blonde e Double Ambrée.

La Blanche è una birra, come si evince dal nome, bianca ed è molto rinfrescante. Per raggiungere il carattere unico di una birra di abbazia, hanno usato materie prime selezionate ed esclusive. Colore giallo chiaro, bollicine fini e aromi di frutta, agrumi, chiodi di garofano e coriandolo con note di cereali e vaniglia e una forte aroma di bergamotto che la rende una rara prelibatezza. E’ veramente unica nel suo genere. Ideale per aperitivi, antipasti o piatti a base di pesce.

La Blonde è una birra bionda pura e amabile, con aromi di frutta gialla matura e non torbida – che si distingueva dalle altre birre del tempo. Ancora oggi è una chicca tra gli intenditori di birra di tutto il mondo. Quando le prime fabbriche di birra furono fondate nel Medioevo, la filtrazione della birra non era una tecnologia comune e pochi la esercitavano. Anche in questo i monaci dell’abbazia Grimbergen furono dei precursori e questa birra divenne la loro eccellenza. Ancora oggi è considerata una chicca tra gli intenditori di birra di tutto il mondo. Si accompagna bene a carni bianche e formaggi freschi e di media stagionatura.

La Double-Ambrée è una birra ambrata di colore scuro con sapori agrodolci e sentori di caramello, prugne secche, malti a doppia fermentazione e luppolo. Nel Medioevo, i produttori di birra secolari erano tassati molto più pesantemente delle abbazie. Pertanto, i monaci Grimbergen utilizzavano materie prime raffinate di una qualità superiore. Combinando ingredienti esclusivi uniti alle loro competenze di birrificazione, crearono questa birra che era così deliziosa che la gente diceva che aveva “doppio” gusto da qui il suo nome. Birra di carattere che si può gustare con carni rosse e formaggi stagionati.

Quaranta sono gli eventi che, con partner d’eccezione che si alterneranno di volta in volta, saranno organizzati nel 2015 presso altrettanti locali che hanno sposato la filosofia e la qualità di queste birre.

Grimbergen è il brand di Carlsberg Group che racchiude le birre d’abbazia belghe, ed è stato acquisito nel 2008.

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento