Osteria dei Sapori perduti
Ristoranti

Osteria dei Sapori Perduti

Se volete provare la vera cucina modicana, l’Osteria dei Sapori Perduti è l’indirizzo giusto.

Io l’ho visitata durante il mio week end nel Val di Noto per la presentazione di Green Tours.

Nata nel 2006 dal vulcanico Carmelo Muriana, che la gestisce insieme alla sua famiglia, l‘osteria si trova nel centralissimo corso Umberto I, nel cuore di Modica, in uno dei più antichi palazzi nobiliari della contea Palazzo Rubino – Trombadore.

E’ suddivisa su due piani, con diverse sale arredate come una tipica trattoria con tovaglie a quadretti, tavoli di legno scuro e sedie impagliate, pavimenti con ceramiche originali e appesi alle pareti tanti oggetti d’antan, radio, attrezzi agricoli, macchine fotografiche, ecc. che fanno parte della collezione privata di Carmelo.

Qui in un originale menu, si possono trovare i piatti tipici, descritti rigorosamente in dialetto siciliano, con tanto di traduzione, con elencati gli ingredienti e corredati anche di foto.

Un menu, che è un libretto vero e proprio e che alla fine, se vi fa piacere, Carmelo vi regalerà volentieri.

In cucina la figlia Stefania che vi delizierà con piatti gustosi e caserecci.

Si inizia con l’antipastu miscatu Rê Sapori Perduti, solo questo sazierebbe, composto da: arancini, bruschette, pane cunzatu, scaccette (deliziose focacce farcite), finocchi fritti, polpettine, patate, caponata di melanzane. pomodorini secchi, gli irresistibili formaggi del Ragusano, uova sode, verdure grigliate e frittata.

Come primo piatto invece ci hanno fatto assaggiare a pasta ccô maccu, ovvero con le fave secche, veramente buona, tant’è che l’ho ripresa anche la sera dopo. Poi i‘i ravioli ri ricotta ccô sucu ri maiali, ravioli al sugo di carne di e salsiccia di maiale e i cavatièddi ccô sucu, cavatelli con ragù di maiale. Anche questi buonissimi.

U cunigghju â stimpiratacucinato con patate, carote, olive, sedano, aglio, capperi, menta, aceto bianco. Vengono soffritti separatamente il coniglio e le patate, in aceto bianco e olio, e successivamente uniti e mescolati sul fuoco con le carote, i capperi, le olive e gli aromi, è il secondo che ci fanno assaggiare insieme a ‘i milinciani cunzàti, le melanzane condite che poi sarebbero la loro parmigiana.

Per sciacquarsi la bocca una bella ‘nzalata con arance, finocchi, cipolla e olive nere.

E ‘i cos’aruci? Non si possono non assaggiare il dolce, anzi i dolci modicani. Perché noi, per parafrasare Totò abbondiamo e prendiamo Jèlu di limone, di cannella e parfait di mandorle  e di pistacchio. E anche un assaggio del cioccolato modicano alla cannella, prodotto sempre da Carmelo Muriana, perché scopro che è un uomo dalle mille risorse, perché è proprietario anche di ‘Nte Muriana” con il sottotitolo del logo “Cumpanagghiu e Liccumiei che significa  “Companatico e Leccornie”, una caffetteria con pasticceria, gelateria e rosticceria, al cui interno c’è anche un laboratorio dove producono cioccolato, torte e anche gelato.

E per digerire che si fa? Carmelo Muriana ci conduce in apecar per le vie di Modica bassa e alta (dove le auto non possono passare). Un tour suggestivo al chiaro di luna, in cui Carmelo si trasforma da imprenditore in abile guida, raccontandoci la Modica segreta.

Un’esperienza bellissima, che sarà tra i ricordi che porterò con me da questo week end nel Val di Noto, nella splendida Sicilia.

 

Osteria dei Sapori Perduti

Corso Umberto I 228/330

Modica (RG)

Tel. 0932 944247 – 3397030708

www.osteriadeisaporiperduti.it

Chiuso il martedì, nel periodo estivo sempre aperto

P.S. Scordatevi piatti gourmet o pesce di mare, per questi ci sono altri locali. Invece qui a Modica gustatevi la sicilianità dell’Osteria dei Sapori Perduti.

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento