Fassoneria - hamburger di razza
Ristoranti

La Fassoneria

In occasione del Festival del Giornalismo Alimentare di Torino, ho partecipato ad una speciale degustazione presso la Fassoneria.

Sono due le sedi torinesi del brand ideato da Fabrizio Bocca, una in piazza Emanuele Filiberto 4, e l’altra in via San Massimo 17 ed è in quest ultima che si è svolta la serata.

Il percorso degustativo è iniziato con la Fassona declinata in carpaccio, tartare, e roast-beef, e un assaggio degli hamburger che hanno in carta.

Quando si parla di hamburger molti arricciano il naso, ma non sono tutti uguali e soprattutto la carne utilizzata non sempre è di qualità, ma qui alla Fassoneria la carne è 100% Fassona piemontese.

Partner di entrambi i locali infatti è la Compral, cooperativa di circa 200 allevatori di Cuneo, con un’esperienza di oltre trent’anni e una specializzazione nella razza Piemontese, da cui si ottiene la Fassona. Quindi la qualità della carne è garantita da una filiera cortissima, che controlla e certifica ogni fase della lavorazione, dall’allevamento fino alla vendita diretta al consumatore.

La degustazione è terminata con il Beef on Weck, interpretazione italiana, anzi piemotese Doc, della specialità che ha fatto guadagnare milioni di dollari al celebre ristorante Portillo di Chicago. Il Beef on Weck è un sandwich inzuppato in una sorta di fondo bruno non ridotto, ripieno di carne e coperto di intingoli.

Quello che ho assaggiato io è stato rivisitato dallo chef Riccardo Milone che, con la sua creatività, dopo aver girato per lavoro in lungo e in largo tutti gli States, ha scoperto nel vecchio West Side di New York il tradizionale Beef on Weck degli immigrati tedeschi, poi diventato di gran successo nella regione dei grandi laghi, e a Chicago in particolare.

Una versione piemontese del Beef on Weck più leggera, che nasce da un sublime arrosto di vera Fassona piemontese, carne fornita dalla cooperativa di allevatori Compral di Cuneo.

Il taglio è il Reale di spalla, leggermente marinato, che lo chef Riccardo Milone ha cotto a bassa temperatura. Dopo un’adeguata riduzione, il sugo d’arrosto di Fassona viene cosparso sulle fette di pane cuneese a lievitazione naturale. Una salsa di rafano grattugiato cotto nell’aceto e un velo di maionese esaltano la farcitura dell’arrosto, trionfo di aromi e sapori. In omaggio agli antichi pionieri tedeschi, viene usato dallo chef anche un pizzico di cumino tostato.

Alla degustazione erano presenti i vertici dell Compral, il direttore di Compral Bartolomeo Bovetti e il vicedirettore Roberto Facelli.

Milone, che conduce la rinomata Osteria del Pasco a Villanova Mondovì ha spiegato: “Ogni anno torno negli Stati Uniti perché dopo dodici anni di attività negli Usa ho preso la cittadinanza americana con residenza a Chicago. Ho studiato a lungo il Beef on Weck arrivando a questa soluzione, che spero abbia lo stesso exploit che ha avuto a Chicago”.

Mentre Bartolomeo Bovetti direttore Compral ha affermato: “Con Milone abbiamo iniziato una proficua collaborazione in occasione dell’Expo, dove abbiamo presentato ai buyer la nostra offerta completa e variegata di carni di Fassone. Ora siamo lanciati in questa esperienza in franchising della Fassoneria che ci consente di proporre un’ulteriore gamma di carni, dagli hamburger alle salsicce di bovino, con questa interessante novità del Beef on Weck che piace ai giovani”.

Fassoneria – Hamburger di razza

Piazza Emanuele Filiberto 4

10122 Torino

Tel. 393 8584005

 

Via San Massimo 17

10123 Torino

Tel. 011 – 885543

www.fassoneriatorino.it

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento