Locali Ristoranti

CaRiCo: cocktail bar & bistrot gourmet

CaRiCo, crasi di CAsual, RIstorante, COcktail. Situato nel Design District di Milano, nella centralissima via Savona, CaRiCo è un nuovo format, un locale moderno e divertente con grandi tavoli che invitano alla socializzazione, una scrivania notarile degli anni ’30 trasformata in bancone bar, un tavolo che un tempo era un banco da lavoro da falegname dell”800, un frigorifero Zoppas anni ’40 ancora funzionante, per chi è curioso, per chi è alla ricerca di qualcosa di diverso.

Artefici di tutto ciò sono Domenico Carella, chef e bartender giramondo con esperienze lavorative come Bar Manager da 8 1/2 Otto e mezzo Bombana che lo ha portato ad essere nominato Bartender dell’anno in Asia per “That’s Shanghai“, nel 2015 Group Bar Manager per Dry Milano e Bokan Canary Wharf a Londra, Beverage Director di Pirata Group ad Hong Kong. Fondatore di Drops Magazine è tornato a Milano nel 2019 dove è stato coinvolto nello sviluppo di marchi come Langosteria ed Aimo e NadiaE Lorenzo Ferraboschi, laureato come business designer, in Giappone per 10 anni dove ha fatto esperienza come industrial designer. Nel 2010 fonda F-T srl insieme a Maiko Takashima e in seguito da il via a diversi progetti nel mondo enogastronomico, la maggior parte dei quali legati al Giappone come Sake Company e Wagyu Company, Sakeya e Takochu.

CaRiCo si potrebbe definire anche fusion, dove il termine in questo caso si riferisce al mix tra i cocktail – classici, signature e rivisitati – interessanti proposte di vini e anche di qualche bevanda fuori dal comune e la cucina gourmet che viene proposta dallo chef pugliese Leonardo d’Ingeo, ex Le Giare e Atelier di Joel Robuchon.

Una carta che si sviluppa tra Spizzichi (per citarne alcuni: i crostini con gorgonzola, peperoni e menta, o quelli con alici marinate, crema di barbabietola, erbe fritte) e Bocconi, in realtà veri e propri piatti realizzati con prodotti di alta gamma. Io vi consiglio di provare il tasting experience: un menu di 5 portate (Casual) o 3 portate (Urban) abbinate ad altrettanti drink in porzione compact, ovvero mini porzioni che permettono di non esagerare con l’alcol e con la spesa, realizzate dal barman Federico Turina.

Photo credit @isabellaradaelli

Il menu inizia con un intrigante ostrica con katshobushi, polvere di peperone crusco e olio al dragoncello da gustare in un unico boccone con Crémant d’Alsace Pierre Spark servito in minuscole coppette alla francese.

Photo Credit @isabellaradaelli

Fresco e dai sapori estivi il gambero rosso di Mazara del Vallo con bisque, porro ed erbe abbinato a un Daiquiri, fatto con Rum Veritas, succo di lime e zucchero. La tartare di tonnetto, emulsione al sedano rapa, verjus invece viene servita con Kodakara Yuzu, sake allo yuzu, agrume giapponese che ricorda il nostro limone.

Photo credit @isabellaradaelli

A seguire quinoa, burro, parmigiano, gel di ume e polvere di origano: consistenza da risotto e gustosa in bocca. Abbinata a French 75: Tanqueray gin, succo di limone, zucchero e bollicine.

photo credit @isabellaradaelli

Si prosegue con verza arrosto, ristretto vegetale, emulsione di arachidi, un piatto che sicuramente piacerebbe anche ai vegetariani, in accompagnamento a AdonisTio Pepe sherry, Vermouth Mancino rosso e bitter al pompelmo.

Photo Credit @isabellaradaelli

Il cocktail Pink Lady si trasforma in pre dessert: mela pink lady in osmosi di Grappa Anfora Marzadro, e shiso rosso su crema di cocco. Il dessert invece è un semifreddo al sesamo nero, susine, salsa mou alla menta, dal gusto particolare che viene servito con un cocktail all’altezza: Mangifera Infamous preparato con Casamigos Tequila blanco, Marsala Vergine Intorcia, mango salato e sour black tea.
Nota di merito per il ghiaccio utilizzato (non anonimi cubetti di acqua del rubinetto) ma prodotto da acqua certificata, ottenuto da blocchi intagliati a forma di cubo o di parallelepipedo, che messi nel bicchiere è bello esteticamente e, soprattutto, rende più chic il cocktail.
 

CaRiCo
Via Savona 1
20144 Milano
Tel. 345 9431361

P.S. Quando il fusion è tra cocktail e piatti gourmet.

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento