Botteghe e Prodotti Ricette

Il Grande Futuro Blu di MSC Pesca Sostenibile

Piccolo marchio blu, grande futuro blu”, è il claim che accompagna “Grande Futuro Blu” la campagna social promossa da MSC Pesca Sostenibile in occasione del World Oceans Day dell’8 giugno 2020 e nata per ricordare a tutti il forte legame tra la nostra vita quotidiana e il grande blu, che possiamo proteggere scegliendo pesce proveniente da una fonte sostenibile, come quello con il marchio blu di MSC sulla confezione, garanzia di una pesca gestita secondo rigorosi standard scientifici di sostenibilità.
MSC Marine Stewardship Council, è un organizzazione internazionale non profit responsabile del più importante programma globale di certificazione di sostenibilità ittica. In un momento in cui l’industria ittica, e non solo, si trova ad affrontare sfide senza precedenti a causa della pandemia di coronavirus, tutti con piccoli e semplici gesti possiamo sostenere i pescatori impegnati in pratiche sostenibili, e allo stesso tempo aiutare a proteggere gli ecosistemi marini e le risorse ittiche per le generazioni future. La campagna “Grande futuro blu” di MSC Pesca Sostenibile vuole far leva proprio su questi concetti e invita tutti a condividere sui social un collage fotografico che affianchi la foto di uno scampolo di mare “del proprio cuore” con uno scatto di una ricetta di pesce realizzata a casa, usando l’hashtag #grandefuturoblu e taggando MSC Italia su Instagram @msc_italia e su Facebook @mscinitalia.
Per coloro che non sono molto pratici ai fornelli o per chi vuole sperimentare nuovi gusti, MSC ha elaborato 4 semplici ricette da fare a casa: cozze alla scozzese, merluzzo al curry, salmone al gin, e tuna bowl.

Cozze al Sidro, porro e pancetta

Ingredienti per quattro persone:

1 kg di cozze certificate MSC, un ricciolo di burro, 150 g di pancetta affumicata, tritata grossolanamente, 1 porro, lavato e affettato sulla diagonale, 1 bottiglia di sidro scozzese secco da 330 ml, 50 ml di panna, un’ampia manciata di prezzemolo tritato, più un extra per guarnire, pepe nero appena macinato, pane croccante, per servire.

Preparazione:

Lava le cozze sotto l’acqua corrente fredda. Sbarazzati di qualsiasi “barba” ancora attaccata alla conchiglia. Se le cozze sono aperte, picchiettale con forza sul lato del colino o della ciotola, dovrebbero chiudersi immediatamente. Scarta quelle che rimangono aperte o quelle con i gusci incrinati o rotti. In una padella capiente, casseruola o wok con un coperchio, sciogli il burro a fuoco medio. Durante la schiumatura aggiungi la pancetta. Friggi per alcuni minuti fino a quando il grasso della pancetta inizia a ridursi. Aggiungi i porri e friggi per altri due minuti. Versa il sidro nella padella, dovrebbe bollire e fare la schiuma. Cuoci a fuoco lento per un minuto, quindi riduci leggermente il fuoco. Metti le cozze nella padella, copri con un coperchio e lasciale cuocere con il loro vapore per 4-5 minuti, fino a quando non si sono aperte tutte. Scuoti ogni tanto la padella per aiutare le cozze ad aprirsi. Aggiungi la panna e cospargi di prezzemolo. Mescola tutto e servi subito, diviso in quattro ciotole. Non dimenticare nel servire di aggiungere nella ciotola il brodo di cottura, la pancetta e i porri. Servi con prezzemolo extra e pane croccante.

Merluzzo su verdure al curry

Ingredienti per quattro persone:

4 filetti di merluzzo certificati MSC, curry in polvere, olio d’oliva, ¼ tazza di carote, ¼ di tazza di sedano, ¼ di tazza di zucchine, ¼ tazza di funghi porcini, ¼ tazza di mais, ¼ tazza di cipolla, ¼ di tazza di porri, 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaio di curry in polvere, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 1 cucchiaio di uva passa, 200 ml di brodo vegetale, coriandolo fresco, olio d’oliva

Preparazione:

Taglia le verdure a cubetti. Uniscile in una padella all’aglio schiacciato e all’olio d’oliva, condisci con il curry in polvere, sale e il concentrato di pomodoro per scaldare a fuoco vivo. Aggiungi l’uvetta e il brodo vegetale, porta ad ebollizione e lascia sobbollire per 15 minuti. Nel frattempo mescola l’olio d’oliva con il curry e il sale e mettici i filetti di merluzzo a insaporire. Scalda una padella per poi arrostire il merluzzo con la pelle rivolta verso il basso fino a doratura. L’olio non dovrebbe essere troppo caldo, altrimenti la polvere di curry si brucerà. Aggiungi alle verdure stufate il coriandolo finemente tritato. Servi i filetti di pesce sulle verdure al curry e decora con un po’ di coriandolo fresco.

Salmone al gin con cetrioli sott’aceto

Ingredienti per quattro persone:

100 ml di gin, scorza di 1 limone e lime, 50 g di sale fine, 50 g di zucchero, 1 kg di salmone certificato MSC pulito dalle squame, 2 cetrioli grandi, 2 scalogni, 50 g di sale grosso, 120 ml di aceto di vino bianco, 75 g di zucchero semolato, 1/2 cucchiaio di semi di senape, 1 cucchiaino di curcuma, un mazzetto di aneto fresco, acqua.

Per un accompagnamento inspirato alla Scandinavia: pane di segale, panna, crescione, barbabietola tritata.

Preparazione:

In primo luogo, stendi su una grande teglia della pellicola trasparente. Mescola le scorze di limone e lime con il gin, il sale e lo zucchero in una ciotola e distribuisci 1/4 di questa miscela sulla pellicola trasparente. Metti il lato del salmone con la pelle sopra a questo mix nella teglia e coprilo con la miscela rimanente. Avvolgi il tutto nella pellicola trasparente e mettilo in frigorifero per un periodo compreso tra 6 ore e max 2 giorni. Più a lungo lasci il salmone, più solido e saporito sarà, quindi dipende da come ti piace. Si consigliano 24 ore. Quando sei pronto a servire il tuo piatto, togli il salmone dal frigo, scartalo dalla pellicola trasparente, lava il salmone sotto l’acqua corrente fredda e trasferiscilo su un tagliere. Taglia a fettine sottili il salmone e servi con i cetrioli sottaceto.

Per fare i cetrioli sott’aceto

Taglia i cetrioli a metà nel senso della lunghezza, togli i semi al centro scavando delicatamente con un cucchiaino da tè e poi tagliali a mezzaluna di circa 1/2 centimetro di spessore. Taglia anche gli scalogni a mezzaluna e mettili in una ciotola con i cetrioli. Copri con il sale e lascia per 2 ore, ma se ne hai il tempo, anche fino a 4 – dovrebbero essere leggermente molli ma avere ancora un po’ di croccantezza. Sciacquali bene con acqua corrente fredda, scolali e asciugali con della carta assorbente. Metti l’aceto di vino bianco, lo zucchero e le spezie in una padella e fai sobbollire. Aggiungi i cetrioli e gli scalogni e cuoci a fuoco lento per altri 2 minuti. Spegni il fuoco e aggiungi l’aneto, poi lascia raffreddare. Quando il tutto è completamente freddo puoi metterli in un barattolo sterilizzato e conservarli fino ad 1 mese. Servi il tuo salmone con i cetrioli. segale, panna acida, crescione e barbabietola tritata.

Riso e tonno marinato alla giapponese

Ingredienti per due persone:

150 g di riso per sushi, 2 cucchiai di semi di sesamo bianco, 4 cucchiai di salsa di soia salata, 2 cucchiai di mirin (vino di riso giapponese), 2 cucchiai di sake (o 1 cucchiaio di mitsukan e 1 cucchiaio di acqua), 150 g di filetto di tonno pinna gialla certificato MSC, affettato sottilmente, 1 cipollotto tagliato a rondelle sottili, ½ foglio nori, strappato in pezzi grandi, Wasabi, sale.

Preparazione:

Risciacqua il riso almeno quattro volte con acqua corrente fredda. Scolalo e mettilo da parte per circa 20 minuti. Nel frattempo friggi i semi di sesamo in una padella asciutta a fuoco medio fino a doratura e mettili da parte. Metti il riso in una pentola, aggiungi una pari quantità di acqua e un pizzico di sale. Porta ad ebollizione, copri e lascia sobbollire delicatamente per 15 minuti. Dopo di che lascia riposare il riso a fuoco spento e con il coperchio per 15 minuti in modo che si raffreddi lentamente. Metti a marinare il tonno in un mix con la salsa di soia, il mirin e il sake per 2-3 minuti. Servi il riso in una ciotola aggiungendo il cipollotto tagliato a rondelle e il nori; a questa base aggiungi le fettine di tonno marinato con una spolverata finale di semi di sesamo. Servi la ciotola con un po’ di wasabi a parte da aggiungere a piacimento.

Photo Credits @msc.org

Ti potrebbero interessare anche

No Comments

Lascia un commento